Treni gratuiti per le forze dell’ordine. «L’ho chiesto e la Regione ci ha ripensato»

Tratto da laPrealpina.it

«Un mese fa denunciavo il mancato rinnovo da parte di Regione Lombardia della convenzione con Trenord che prevedeva il diritto per le forze dell’ordine di viaggiare gratuitamente sui treni regionali, come accade praticamente in tutta Italia». Così inizia l’intervento, oggi, mercoledì 14 febbraio, di Giuseppe Licata, consigliere regionale di Italia Viva». «Ho fatto seguire una interrogazione che chiedeva conto di quella che appariva una scelta sbagliata o comunque un tentennamento inammissibile. Oggi Regione ha ripristinato questo diritto per le forze dell’ordine, che si traduce soprattutto in più controllo e sicurezza sui nostri treni» osserva Licata.

«Gli agenti che viaggiano sui treni contribuiscono ad accrescere la sicurezza sui convogli, dato che, anche fuori servizio, sono tenuti ad intervenire in situazioni di pericolo per i passeggeri e il personale di bordo. E non sono purtroppo rari sui treni regionali episodi di violenza, rapine e atti vandalici, che disincentivano molti lombardi all’uso del trasporto pubblico, specialmente donne e famiglie. Per questo mi ero subito detto contrario all’abolizione di questa convenzione, che garantiva sulle linee ferroviarie regionali maggiore presenza di Polizia, Carabinieri, Vigili del Fuoco, Guardia di Finanza, Polizia Penitenziaria e altre forze dell’ordine» prosegue l’esponente di Italia Viva. Che conclude: «Bene che la Regione ci abbia ripensato: se non un passo in avanti, almeno un non arretramento nel percorso di miglioramento dei servizi ferroviari regionali, che sappiamo essere già deficitari per i troppi ritardi e le cancellazioni, ancora lontani dai livelli di efficienza e affidabilità che troviamo non soltanto in molti Paesi europei, ma anche in alcune altre regioni italiane».

Regione Lombardia toglie la gratuità sui treni per le forze dell’ordine. “Ripristinare la convenzione”

Tratto da varesenews.it

L’indignazione di Giuseppe Licata, consigliere regionale di Italia Viva. “La convenzione per trasporto gratuito garantiva almeno la presenza di Polizia e Carabinieri, ma anche Vigili del Fuoco, Guardia di Finanza e Polizia Penitenziaria”

«Regione ripristini subito il diritto per le forze dell’ordine di viaggiare gratuitamente sui treni regionali. Gli agenti che viaggiano sui treni contribuiscono ad accrescere la sicurezza sui convogli, dato che, anche fuori servizio, sono tenuti ad intervenire in situazioni di pericolo per i passeggeri e il personale di bordo». Così Giuseppe Licata, consigliere regionale di Italia Viva, in merito al mancato rinnovo della convenzione tra Regione Lombardia e Trenord che negli ultimi anni ha appunto previsto per le forze dell’ordine la gratuità sui treni regionali.

«Proprio sui treni regionali continuano a verificarsi gravi episodi di violenza, rapine e atti vandalici, al punto che ormai molti lombardi, particolarmente donne e famiglie, scelgono di non viaggiare in treno per paura di fare brutti incontri» continua Licata. «E mentre ci si aspetta da Trenord e Regione Lombardia delle soluzioni migliorative delle condizioni di sicurezza sui treni, magari con più telecamere e personale di sicurezza privato, arriva la notizia del mancato rinnovo della convenzione che almeno garantiva la presenza sui convogli di molti agenti delle forze dell’ordine, non soltanto Polizia e Carabinieri, ma anche Vigili del Fuoco, Guardia di Finanza e Polizia Penitenziaria».

«Insomma, questa maggioranza Lega – Fratelli d’Italia – Forza Italia sembra voler tagliare anche sulla sicurezza, loro cavallo di battaglia in tutte le campagne elettorali. Ma si sa, il populismo, quello di destra e quello di sinistra, funziona quando c’è da prendere like sui social, però poi la buona amministrazione è un’altra cosa. Nel prossimo Consiglio Regionale di gennaio presenterò una Mozione per chiedere all’assessore alla sicurezza Romano La Russa e all’assessore ai Trasporti Franco Lucente l’immediato rinnovo della convenzione tra Regione e Trenord, per ripristinare la gratuità sui treni per gli operatori delle forze dell’ordine e favorire almeno livelli di sicurezza minimi sui treni regionali, in attesa di vedere nuovi investimenti e dei veri progetti, quelli di cui la destra parla solo sotto elezioni», conclude il consigliere di Italia Viva.